Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Fisco e tributi - Imposta comunale sugli immobili (ICI), risultanze del catasto urbano, proprietà dell'immobile ed effettivo possesso del bene



Elio da Perugia:



al catasto urbano risulto proprietario di un immobile,ma in realta',dagli anni 60,l'immobile e' di un altro signore a cui intendo donarlo.
Considerando pero' che l'attuale proprietario non intende trasferirselo a suo nome chiedo quali azioni posso intrarprendere , se posso richiedere il rimborso dell'ici che ho sostenuto fino ad ora.e se puo' essere materia per il giudice di pace.



RISPOSTA



La vertenza non riguarda la competenza del Giudice di Pace, ma a pronunciarsi con sentenza, sulla questione, sarà il Tribunale territorialmente competente (la competenza è determinata dall'ubicazione del bene immobile in questione).
Pertanto, per agire in giudizio, è assolutamente necessaria, l'assistenza di un avvocato.
Non è possibile, tuttavia, chiedere il rimborso dell'Ici versata in ragione del suddetto bene immobile.
Il presupposto impositivo dell'imposta comunale sugli immobile è la titolarità del diritto di proprietà sul bene, a prescindere dall'effettivo possesso.
Il proprietario, ai fini dell'imposta, è colui che risulta tale al catasto.
E' altrettanto infondata la pretesa della persona che possiede di fatto l'immobile, dagli anni sessanta, di intestare il bene, in sostanza, ad un prestanome.

Tale espediente è vietato, dalle leggi tributarie, essendo un comportamento elusivo delle legittime pretese erariali.
Colui che possiede l'immobile può rinunciare alla donazione, tuttavia, non può obbligarti a donare il bene ad un suo prestanome.
Nel caso di rinuncia alla donazione, dovrà, dal giorno successivo, reimmetterti nel possesso del bene, alla luce delle risultanza del catasto urbano.
In sintesi, l'effettivo possessore può diventare proprietario/donatario dell'immobile ovvero rinunciare completamente allo stesso.
Sono a tua disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale