Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto del lavoro - Contratto di lavoro tra l'agenzia che organizza eventi, call center, conto terzi e punto vendita ticket ed una presunta collaboratrice.





Chiedo cortesemente una consulenza in base al quesito che di seguito vado a descrivere.
Sono titolare resp.le di un'agenzia che organizza eventi, call center conto terzi e punto vendita ticket. C/o la ns sede si è presentata una sig.ra per sottoporsi ad un colloqio ma non è stata assunta. La stessa ha continuato a presentarsi saltuariamente per diversi mesi c/o l'agenzia cercando di stringere un legame di conoscenza e raccontando fatti personali. Non abbiamo ritenuto opportuno allontanarla perkè sembrava un pò "disturbata" Un bel giorno ha pensato bene di inviare un sms(cellulare aziendale rintracciabile sui ns cartelloni pubblicitari) minacciando di denunciarci per non averla assunta regolarmente per una sua presunta collaborazione.
L'abbiamo ignorata. Ci ha poi fatto scrivere da un consulente del lavoro ed in seguito ci è arrivata una richiesta di concordato.
Insomma la mia domanda è questa: davanti ad una richiesta basata su una bugia ma creduta al 100% da chi di dovere, come dovrebbe essere impostata una causa. Qual'è la specializzazione che deve avere il legale che dovrà seguirci: diritto del lavoro, amministrativo, civile-privato?Grazie.



RISPOSTA



Devi rivolgerti ad un avvocato specializzato in diritto del lavoro. La mia idea, riguardo la tua situazione è la seguente: si tratta di una causa velleitaria, di un tentativo fondato sul bluff, per estorcerti con un concordato, qualche euro. Le possibilità di vittoria della signora sono pari allo zero assoluto, quindi non accettare nessuna transazione, nessun accordo, non dare nemmeno un euro a questi lestofanti (tra cui il consulente della signora), lasciali andare per la loro strada, che alla fine saranno condannati dal giudice del lavoro a rimborsarti le spese processuali che avrai sopportato per difenderti.
Non si costituisce un rapporto di lavoro, basato sulle chiacchiere. La controparte non ha prove, non ha argomenti, non ha nulla che possa impensierirti.
Non cedere ai loro ricatti …
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale