Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Revisione dell'assegno divorzile di mantenimento





Sono divorziato e, secondo la sentenza di divorzio, tenuto alla corresponsione di assegno di mantenimento a favore dell'ex coniuge (senza figli). Faccio anche presente che ho accettato le condizioni economiche richiestemi per evitare  un procedimento di divorzio giudiziale, anziché consensuale, che si sarebbe protratto nel tempo chissà quanto. 
Nelle condizioni economiche è stabilito che l'assegno al coniuge venga rivalutato ogni anno secondo l'indice ISTAT (FOI). Ho provveduto a tale adeguamento ogni anno, anche se la mia pensione viene adeguata solo in parte secondo quell'indice (più precisamente, l'indice si applica nella sua interezza a un primo scaglione, in misura del 75% ad un secondo scaglione e non si applica affatto oltre quest'ultimo scaglione).  Anche quest'anno dovrei procedere all'adeguamento. Ma proprio quest'anno, per effetto dei noti provvedimenti conseguenti alla crisi, la mia pensione - superando i limiti indicati dalla legge -sarà esclusa da qualsiasi adeguamento, e rimarrà invariata.
In queste condizioni sarebbe legittimo da parte mia non applicare l'adeguamento dell'assegno di mantenimento? E dovrei darne specifico avviso, oppure attendere che mi venga richiesto per poi motivare il mio rifiuto? O, invece,  l'unica via possibile è quella della richiesta di revisione delle condizioni economiche stabilite all'epoca del divorzio? 
Faccio presente, per completezza di informazione, che successivamente al divorzio (2005) mi sono risposato (2011) e convivo con mia moglie e i suoi tre figli da precedente matrimonio, a lei affidati in base alla sua sentenza di divorzio. 

Con i migliori saluti,



RISPOSTA



E' assolutamente necessario presentare ricorso al tribunale civile, per chiedere la modifica dell'assegno divorzile di mantenimento, alle tue mutate condizioni economiche, con le modalità procedurali di cui all'articolo 710 del codice di procedura civile.

Art. 710 c.p.c. Modificabilita' dei provvedimenti relativi alla separazione dei coniugi

Le parti possono sempre chiedere, con le forme del procedimento in camera di consiglio, la modificazione dei provvedimenti riguardanti i coniugi e la prole conseguenti la separazione. 
Il tribunale, sentite le parti, provvede alla eventuale ammissione di mezzi istruttori e puo' delegare per l'assunzione uno dei suoi componenti. 
Ove il procedimento non possa essere immediatamente definito, il tribunale puo' adottare provvedimenti provvisori e puo' ulteriormente modificarne il contenuto nel corso del procedimento.


L’art. 5 della legge sul divorzio n. 898/1970 prevede che

“la sentenza deve stabilire anche un criterio di adeguamento automatico dell’assegno, almeno con riferimento agli indici di svalutazione monetaria. Il Tribunale può, in caso di palese iniquità, escludere la previsione con motivata decisione.“

E' la legge stessa sul divorzio a prevedere la necessità di adeguare l'assegno divorzile agli indici di svalutazione monetaria, a prescindere dall'adeguamento del reddito percepito dal coniuge obbligato.
Non esiste, da un punto di vista normativo, nessun parallelismo automatico tra l'adeguamento della tua pensione e l'adeguamento dell'assegno di mantenimento a favore del coniuge economicamente debole.
La legge non prevede un meccanismo automatico per cui il mancato adeguamento del reddito percepito dal coniuge obbligato, previsto dalla legge, consente a quest'ultimo di eludere la previsione dell'adeguamento dell'assegno divorzile.
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale