Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Riforma del lavoro Fornero: contratto di somministrazione a tempo determinato





Salve , ho avuto un contratto a tempo determinato di due anni scaduto il 4 giugno 2011 con una proroga poi di un anno fino al 4 giugno  scorso ed naturalmente, dopo 36 mesi lavorativi, hanno deciso di non  assumermi a tempo indeterminato. Mi chiedevo  

se con la riforma Fornero l'azienda decidesse di assumermi a tempo  indeterminato usufruirebbe di incentivi fiscali? Inoltre,sempre  seconda questa nuova riforma, potrebbe sottopormi contratti di  somministrazione anche se superati i 36 mesi lavorativi? Grazie  molte,cordiali saluti



RISPOSTA



Gli incentivi all'assunzione non sono stati modificati dalla riforma Fornero, ma dalla legge di stabilità n. 183 del 2011.

Confermo che non si applicherebbe nessun incentivo fiscale, nella tua fattispecie, in caso di assunzione a tempo indeterminato.

La disciplina del contratto di somministrazione a tempo determinato è stata equiparata dalla riforma Fornero, al contratto a tempo determinato; tale interpretazione può essere ricavata dall'articolo 1 comma 9 lettera i della legge 92 del 2012, nella parte in cui prevede che il periodo lavorativo con contratto di somministrazione stipulato ai sensi dell'articolo 1 comma 1 bis del D. Lgs.368 del 2001, debba essere computato ai fini del raggiungimento del periodo di 36 mesi ai sensi dell'articolo 5 comma 4 bis del D. Lgs. 368 del 2001, equiparando così l'attività lavorativa svolta dal lavoratore a tempo determinato a quella svolta dal dipendente con contratto a termine.

La riforma del 2012 ha inserito la previsione che "ai fini del computo del periodo massimo di trentasei mesi si debba tenere altresì conto dei periodi di missione aventi ad oggetto mansioni equivalenti, svolti fra i medesimi soggetti, inerente alla somministrazione di lavoro a tempo determinato»”

Attenzione quindi: potresti essere assunto con contratto di somministrazione, soltanto per svolgere mansioni totalmente diverse da quelle oggetto del contratto a tempo determinato.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale