Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Casellario giudiziale: condanne riportate e requisiti per assunzione nella pubblica amministrazione





Salve, non ricordo con precisione l'anno ma credo nel 1991/1992 fui condannato con sospensione della pena ad 1 anno di reclusione per atti di libidine. Allora avevo 24-25 anni.

Volevo sapere se oggi risulta al casellario giudiziale il mio precedente e se, qualora si dovesse prospettare un'assunzione diretta senza concorso in un comune e quindi pubblica amministrazione, ho problemi nel farmi assumere?


Grazie



RISPOSTA



Secondo il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 14 novembre 2002, n. 313, Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di casellario giudiziale , è previsto che non vengano riportate nei certificati generali del Casellario le iscrizioni relative a:

- le condanne per le quali è stato concesso il beneficio della non menzione, ai sensi dell'art. 167, comma 1, c.p. ; le condanne relative a contravvenzioni punibili con la sola ammenda e a reati estinti;
- le condanne per le quali sia intervenuta amnistia, riabilitazione, estinzione ex art. 556 c.p.p.; - i provvedimenti riguardanti misure di sicurezza, revocate, conseguenti a sentenze di proscioglimento o non luogo a procedere e quelli sulle misure preventive delle sorveglianza speciale (semplice o con divieto o obbligo di soggiorno); - i provvedimenti giudiziari emessi dal Giudice di pace;
- i provvedimenti, revocati, di interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno e quelli concernenti il fallimento, a seguito di riabilitazione.

Nei certificati generali del casellario non saranno riportati le condanne per reati estinti.

Se il giudice concede la sospensione condizionale della pena “il reato è estinto, ove sia stata irrogata una pena detentiva non superiore a due anni soli o congiunti a pena pecuniaria, se nel termine di cinque anni, quando la sentenza concerne un delitto, ovvero di due anni, quando la sentenza concerne una contravvenzione, l’imputato non commette un delitto ovvero una contravvenzione della stessa indole. In questo caso si estingue ogni effetto penale, e se è stata applicata una pena pecuniaria o una sanzione sostitutiva, l’applicazione non è comunque di ostacolo alla concessione di una successiva sospensione condizionale della pena (articolo 163 del codice penale).

Nella tua fattispecie quindi, gli effetti penale della condanna sono ormai estinti, ai sensi dell'articolo 167 del codice penale, in materia di sospensione condizionale della pena.

Art.167 del codice penale. Estinzione del reato.


Se, nei termini stabiliti, il condannato non commette un delitto, ovvero una contravvenzione della stessa indole , e adempie gli obblighi impostigli , il reato è estinto .
In tal caso non ha luogo la esecuzione delle pene.

Avresti anche i requisiti generali per partecipare ai concorsi pubblici, di cui all'articolo 2 del D.P.R. 09.05.1994 n. 487, ossia il Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi.
A maggior ragione non ci saranno problemi in caso di una tua assunzione diretta, senza concorso.

Articolo 2.Requisiti generali.

1. Possono accedere agli impieghi civili delle pubbliche amministrazioni i soggetti che posseggono i seguenti requisiti generali:
1) cittadinanza italiana. Tale requisito non è richiesto per i soggetti appartenenti alla Unione europea, fatte salve le eccezioni di cui al D.P.C.M. 7 febbraio 1994, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio 1994, serie generale n. 61;
2) età non inferiore agli anni 18 e non superiore ai 40. Per i candidati appartenenti a categorie per le quali leggi speciali prevedono deroghe, il limite massimo non può superare, anche in caso di cumulo di benefici, i 45 anni di età. Il limite di età di 40 anni è elevato:
a) di un anno per gli aspiranti coniugati;
b) di un anno per ogni figlio vivente;
c) di cinque anni per coloro che sono compresi fra le categorie elencate nella legge 2 aprile 1968, n. 482, e successive modifiche ed integrazioni, e per coloro ai quali è esteso lo stesso beneficio. Per le assunzioni obbligatorie di personale appartenente a tali categorie, il limite massimo non può superare i 55 anni. Per le assunzioni obbligatorie dei centralinisti ciechi il limite massimo di età è di 50 anni;
d) di un periodo pari all'effettivo servizio prestato, comunque non superiore a tre anni, a favore dei cittadini che hanno prestato servizio militare volontario di leva e di leva prolungata, ai sensi della legge 24 dicembre 1986, n. 958. Si prescinde dal limite di età per i candidati che siano dipendenti civili di ruolo delle pubbliche amministrazioni, per gli ufficiali e sottufficiali dell'Esercito, della Marina o dell'Aeronautica cessati d'autorità o a domanda; per gli ufficiali, ispettori, sovrintendenti, appuntati, carabinieri e finanzieri in servizio permanente dell'Arma dei carabinieri e del Corpo della guardia di finanza, nonché delle corrispondenti qualifiche degli altri Corpi di polizia. Si prescinde parimenti dal limite di età per i dipendenti collocati a riposo ai sensi dell'art. 3, comma 51, della legge 24 dicembre 1993, n. 537;
3) idoneità fisica all'impiego. L'amministrazione ha facoltà di sottoporre a visita medica di controllo i vincitori di concorso, in base alla normativa vigente.
2. Per l'ammissione a particolari profili professionali di qualifica o categoria gli ordinamenti delle singole amministrazioni possono prescrivere ulteriori requisiti.
3. Non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall'elettorato politico attivo, nonché coloro che siano stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell'articolo 127, primo comma, lettera d), del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3.
4. Salvo che i singoli ordinamenti non dispongano diversamente sono equiparati ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.
5. Il requisito della condotta e delle qualità morali stabilito per l'ammissione ai concorsi nella magistratura viene richiesto per le assunzioni comprese quelle obbligatorie delle categorie protette, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e le amministrazioni che esercitano competenze istituzionali in materia di difesa e sicurezza dello Stato, di polizia e di giustizia, in conformità all'articolo 41 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29.
6. Per l'accesso a profili professionali di ottava qualifica funzionale è richiesto il solo diploma di laurea.
7. I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel bando di concorso per la presentazione della domanda di ammissione.
7-bis. I cittadini italiani soggetti all'obbligo di leva devono comprovare di essere in posizione regolare nei confronti di tale obbligo.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale