Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Danni da trasporto, casi di responsabilità del vettore





Buongiorno,
gestisco un magazzino conto terzi e trasporto la merce per conto di committenti (nonchè proprietari della merce stessa).
Vorrei sottoporvi una questione per me spinosa.
Ricevo dal fornitore grandi elettrodomestici che presentano, alla ricezione, imballo integro.
Li consegno per conto del committente al cliente che, a sua volta, non rileva danni visibili.
All'apertura dell'imballo il cliente rileva danni ed il committente vuole addebitarli a me in quanto li ritiene danni da trasporto.
Gli faccio notare di aver trasferito il prodotto nello stesso stato in cui l'ho ricevuto e che, dato l'imballo molto fragile dell'articolo in questione, qualsiasi "colpo" addotto avrebbe procurato un logorio visibile.
Il cliente, giustamente, deve essere tutelato, il fornitore non ne vuole sapere e il committente vuole rifarsi su di me.
Ho operato con dovizia ed attenzione ma rischio di rimetterci del denaro per una cosa che non potevo rilevare!
E' improponibile pensare di dover aprire tutti gli imballi alla ricezione sia per i volumi che per il fatto che il cliente pretende di ricevere il prodotto nel suo contenitore originale.
Cosa prevede la legge in casi simili e come posso tutelarmi?
Tra l'altro è il primo fornitore che mi crea tali problemi.
Grazie per la consulenza!



RISPOSTA



Dobbiamo fare riferimento all'articolo 1693 del codice civile, in materia di contratto di trasporto.

Art. 1693 del codice civile. Responsabilità per perdita e avaria.

Il vettore è responsabile della perdita e dell'avaria delle cose consegnategli per il trasporto, dal momento in cui le riceve a quello in cui le riconsegna al destinatario, se non prova che la perdita o l'avaria è derivata da caso fortuito, dalla natura o dai vizi delle cose stesse o del loro imballaggio, o dal fatto del mittente o da quello del destinatario.
Se il vettore accetta le cose da trasportare senza riserve, si presume che le cose stesse non presentino vizi apparenti d'imballaggio.


Cosa prevede la legge a proposito della responsabilità del vettore ???

Prevede una responsabilità aggravata, nel senso che colui che effettua il trasporto è responsabile dei danni subiti dagli oggetti trasportati, salvo non riesca a dimostrare che tali danni sono stati causati da:

1)caso fortuito

2)natura, vizi degli oggetti

3)difetti dell'imballaggio, ossia imballaggio inadeguato al trasporto del bene.


Immagino che non sarà difficile per te dimostrare che il danno è stato cagionato da un contenitore non idoneo al trasporto del bene. Laddove riuscissi a dimostrare al giudice che il danno è dovuto a vizi dell'imballaggio, sarai considerato esente da ogni colpa, nel modo più assoluto.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale