Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Cancellazione società fallita dal registro delle imprese, Esdebitazione fallimento





Gent-le Avv,
sono a richiederLe consulenza per un problema di diritto fallimentare. Le spiego brevemente la situazione, poi se vorrà potrò fornirle maggiori dettagli. Nel 1997 i miei genitori hanno richiesto fallimento per la loro società sas Il procedimento si è chiuso il 07 giugno del 2012.
Pensavamo che l’incubo fosse finito invece da un mese stanno arrivando cartelle equitalia di richieste pagamenti
Contributi inps, inail… canone rai….
Solo oggi sono venuta a conoscenza che la società è iscritta ancora al registro delle imprese, pensavamo fosse obbligo del curatore Presentare la dovuta comunicazione me lui mi ha detto di no e che la devono presentare i miei genitori.
Mi ha richiesto, nel caso in cui decidessi di farla fare a lui un procura.
E’ possibile? Inoltre una volta cancellata la società dal registro delle imprese, questo cancella le richieste di pagamento di equitalia?



RISPOSTA



E' possibile, certo che è possibile. Il curatore non ha il potere di chiudere d'ufficio una società; egli deve gestire la società durante gli adempimenti della procedura fallimentare, ma non ha il diritto di estinguere il soggetto societario, da un punto di vista giuridico ovviamente, con la sua cancellazione. Il curatore potrebbe farlo soltanto con una procura rilasciata dai soci, cioè in nome e per conto dei tuoi genitori. Consiglio di chiudere in un modo o nell'altro la predetta società … non ha senso continuare a tenerla attiva nel registro delle imprese. La cancellazione della società non eliminerà certamente le cartelle Equitalia. Ti ricordo che il socio accomandatario risponde dei debiti societari, con tutto il suo patrimonio personale, mentre il socio accomandante risponde nei limiti della quota societaria. Non posso sapere chi è il socio accomandatario, se tuo padre o tua madre … ma i beni a lui intestati sono a rischio pignoramento.

 

Ultima domanda, navigando su internet ho letto dell’estebitazione del fallito. E’ una procedura che posso richiedere anche i miei?

Mai nessuno ne curatore, commercialista o avvocato me ne ha mai parlato.

Ma da quello che ho letto sarebbe l’unica procedura che permette la chiusura completa e il ritorno alla vita dei soggetti falliti.

Resto in attesa di ricevere i dati per effettuare il pagamento per la consulenza e un suo genitle riscontro.

  La ringrazio in anticipo

  Cordiali Saluti



RISPOSTA



Assolutamente no !!!! Non è possibile ricorrere a tale istituto, in caso di fallimento di una società.
L'articolo 142 della legge fallimentare prevede che il beneficio sia da attribuire eventualmente, all'imprenditore persona fisica, non alle società.

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale