Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Spostamento servitù in luogo ugualmente comodo per diritto di passaggio





ho acquistato una casa con cortile annesso nel 2008. nel rogito c'era una una clausola generica "nello stato di fatto e di diritto in cui si trova". all'interno del mio cortile c'è un cancello che comunica con l'abitazione vicina e che serve da passaggio. mi sono recato all'Uff. Registro dove ho accertato il precedente rogito di casa mia (1973) e del vicino (1992). in nessuno dei due si parla di servitù di passaggio. ho verificato il precedente rogito della loro abitazione ed ho trovato "vodagione attraverso lo stradello mapp.. come da catasto antecedente il 1948. sono stato al catasto ed ho verificato che il mio cortile, all'epoca, era diviso in 2 mappali di cui uno era uno stradello privato ed ora sono stati riuniti. il problema è che quello stradello era a ridosso dell'abitazione ed il cancello pure.
ora io voglio concedere loro il passaggio, ma sull'altro lato. il mio avvocato mi dice che posso richiedere lo spostamento del passaggio ma non del cancello.



RISPOSTA



Confermo quello che ti ha riferito il tuo avvocato. L'articolo 1068 II comma del codice civile, ti consente di richiedere lo spostamento del passaggio, offrendo un luogo egualmente comodo per l'esercizio del suo diritto di passaggio. … ed in tal caso, il proprietario del fondo dominante, non può rifiutare l'offerta del fondo servente. Il codice civile non prevede invece una norma che ti consenta di spostare il cancello. Art. 1068 del codice civile. Trasferimento della servitù in luogo diverso. Il proprietario del fondo servente non può trasferire l'esercizio della servitù in luogo diverso da quello nel quale è stata stabilita originariamente. Tuttavia, se l'originario esercizio è divenuto più gravoso per il fondo servente, o se impedisce di fare lavori, riparazioni o miglioramenti, il proprietario del fondo servente può offrire al proprietario dell'altro fondo un luogo egualmente comodo per l'esercizio dei suoi diritti, e questi non può ricusarlo. Il cambiamento di luogo per l'esercizio della servitù si può del pari concedere su istanza del proprietario del fondo dominante, se questi prova che il cambiamento riesce per lui di notevole vantaggio e non reca danno al fondo servente.



Per entrare da loro dovrebbero fare una manovra a "S" per effettuare la quale dovrei lasciare buona parte del cortile a loro disposizione. come posso agire per spostare anche il cancello? ed inoltre, che larghezza di passaggio devo lasciare legalmente? Inoltre, sul loro cancello hanno costruito un "cappello" che sporge di circa mt. 1,50 sulla mia proprietà e lo stesso si apre sul mio cortile. posso farlo demolire? grazie per la cortese risposta



RISPOSTA



Mi dispiace, ma senza il consenso dei tuoi vicini, non è possibile spostare il cancello. Non è possibile, semplicemente, perché non è prevista una norma che ti consenta di farlo … come ti avrà sicuramente spiegato il tuo avvocato.

Quale larghezza di passaggio ??? La legge è generica e non fa riferimento a misure particolari, ma al concetto giuridico di “eguale comodità”.
Una larghezza tale da consentire al vicino di esercitare il suo diritto di passaggio, con eguale comodità.
A dare contenuto concreto al concetto di “eguale comodità”, ci penserà il giudice di pace, in caso di mancato accordo tra confinanti e di vertenza giudiziaria.

Ai sensi dell'articolo 840 del codice civile, il cappello deve essere rimosso in quanto invade lo spazio sovrastante la tua proprietà.
… e lo spazio aereo al di sopra della tua proprietà … è tua proprietà, ai sensi della norma seguente.
Occorre tuttavia, una previa diffida a togliere il cappello, da parte del tuo avvocato. Non è possibile agire concretamente, per rimuovere il cappello, senza inviare prima una formale diffida scritta.

Art. 840 del codice civile. Sottosuolo e spazio sovrastante al suolo.

La proprietà del suolo si estende al sottosuolo, con tutto ciò che vi si contiene, e il proprietario può fare qualsiasi escavazione od opera che non rechi danno al vicino. Questa disposizione non si applica a quanto forma oggetto delle leggi sulle miniere, cave e torbiere. Sono del pari salve le limitazioni derivanti dalle leggi sulle antichità e belle arti, sulle acque, sulle opere idrauliche e da altre leggi speciali.
Il proprietario del suolo non può opporsi ad attività di terzi che si svolgano a tale profondità nel sottosuolo o a tale altezza nello spazio sovrastante, che egli non abbia interesse ad escluderle.

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.



Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale