Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Se il comune non offre i servizi indivisibili, il cittadino non deve pagare le tasse comunali





Buona sera,vorrei un Vs Parere in relazione alle tasse comunali  Tasi Tarsu Iuc ossia i cosi detti Servizi Indivisibili.
Un cittadino che non riceve dal proprio comune l'acqua potabile, le fogne, le strade, l'illuminazione stradale è tenuto ugualmente a pagarle?
Le tasse per la nettezza urbana sono state pagate da sempre.
Premetto che la cosa va avanti da oltre trent'anni, è vero che si tratta di una abitazione, come tutta la borgata, abusiva, ma il comune ha richiesto e preteso oltre il condono edilizio anche gli oneri di concessione edilizia. Come posso rivalermi nei confronti del comune di XXXXXXXX? ci sono sentenze risolutive simili alla mia situazione? è giusto che in mancanza di servizi fondamentali la rendita catastale sia A2 (civile abitazione)?Grazie per l'attenzione



RISPOSTA



Abbiamo alcuni precedenti in giurisprudenza; innanzitutto possiamo fare riferimento alla sentenza della Cassazione datata 6/5/10 n. 10958; il supremo collegio avvisa che, se il servizio idrico, consistente nella somministrazione della risorsa idrica e nella fornitura dei servizi di fognatura e depurazione, manchi di uno dei suoi componenti, il canone, relativo al servizio non reso, non va pagato; inoltre con sentenza 12.04.2011 n° 8318, la Cassazione civile, sez. III, afferma come, a fronte del pagamento della tariffa, l’utente abbia il diritto di ricevere un complesso di prestazioni consistenti, sia nella somministrazione della risorsa idrica, sia nella fornitura dei servizi di fognatura e depurazione.

Non solo … Abbiamo anche sentenze della Corte Costituzionale che possono fare al caso tuo. Possiamo fare riferimento alla sentenza della Corte Costituzionale nr. 335/08, che dichiara l’illegittimità dell’art. 55 comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), nella parte in cui prevede che la quota relativa al servizio di depurazione, è dovuta dagli utenti «anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi».

Il principio “senza servizi comunali indivisibili, le tasse non sono dovute dal cittadino” è quindi stato adottato a più riprese dalla giurisprudenza.

L'assenza dei servizi essenziali, offerti dal comune, non ha invece alcuna attinenza con l'accatastamento nella categoria A2, ossia civile abitazione; non è possibile pertanto modificare tale rendita catastale.


A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale