Difetti indicati nell’annuncio vendita auto minicar





Ero proprietario di un quadriciclo xxxxxxxx City (minicar) in uso a mio figlio di 15 anni. Quando mio figlio ha raggiunto i 18 anni ho deciso di rivenderlo.
Ho messo annunci su vari siti internet ed alla fine ho trovato un compratore.
Il veicolo aveva 11 anni di età (già io l'avevo comprato usato), circa 77.000 Km., un fascione anteriore rotto da sostituire.
Ho fatto fare la revisione poco prima di darlo via (per essere più tranquillo che tutto stesse a posto) e sostituito la batteria.
Il testo dell'annuncio era: "Colore nero opaco, Cambio automatico, autoradio Sony con frontalino, cerchi in lega, interni ottimo stato, batteria appena cambiata, fascione anteriore da sostituire, il resto della carrozzeria è in eccellente stato"
Ho trovato un compratore con cui abbiamo concordato un prezzo di € 2.000 ed abbiamo concluso l'affare.
Durante la contrattazione (cioè prima di venderlo) ho avuto premura di informare verbalmente il compratore di tutti i problemi di cui ero a conoscenza. In particolare della necessità di controllare spesso l'olio motore (consumava un po' d'olio) e del fatto che i tamburi dei freni posteriori sono quasi a fine vita benché ancora in condizioni da superare la revisione. Per il resto, il veicolo è stato consegnato perfettamente marciante.
Dopo circa 10 gg. dal perfezionamento del passaggio di proprietà, il compratore mi ha telefonato lamentandosi che secondo lui il veicolo camminava troppo lentamente (ma è un veicolo che è omologato per andare a 40 Km/h per consentire la guida ai 14enni e quindi dalla sua descrizione delle prestazioni era in linea con quanto previsto dal codice della strada) e conseguentemente lo aveva fatto vedere ad un meccanico di sua conoscenza che avendo rilevato danni non meglio precisati gli aveva chiesto circa € 800 per ripararlo.
La sua richiesta era o di ridarmi indietro il veicolo o in seconda istanza di riavere indietro tutto o parte del costo di riparazione.
Per il momento mi sono rifiutato ed ho preso tempo suggerendogli di rivolgersi al mio meccanico che aveva sempre curato il veicolo nel periodo di mia proprietà.
Comunque suppongo che nei prossimi giorni tornerà all'attacco.

RISPOSTA

Non applicandosi la garanzia di conformità legale di cui al codice del consumo (non essendo tu un concessionario auto, ma un venditore privato), né una garanzia convenzionale in quanto non è stato pattuito nulla in tal senso, tra il venditore e l'acquirente, dobbiamo fare riferimento alla disciplina del codice civile in materia di vizi del bene oggetto di compravendita.
Poiché non ci sono vizi occulti del veicolo (se non avessi indicato nell'annuncio che il fascione anteriore era da sostituire, avremmo parlare di vizio occulto), il compratore doveva denunciare i presunti vizi entro 8 giorni dalla scoperta del vizio, tramite raccomandata a/r anticipata via email o via fax.
Art. 1495 del codice civile - Termini e condizioni per l'azione.
Il compratore decade dal diritto alla garanzia, se non denunzia i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta, salvo il diverso termine stabilito dalle parti o dalla legge.
La denunzia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del vizio o l'ha occultato. L'azione si prescrive, in ogni caso, in un anno dalla consegna; ma il compratore, che sia convenuto per l'esecuzione del contratto, può sempre far valere la garanzia, purché il vizio della cosa sia stato denunziato entro otto giorni dalla scoperta e prima del decorso dell'anno dalla consegna.



Domande : • Il compratore ha qualche titolo per rivalersi su di me nella situazione sopra descritta ?
ero obbligato a dargli una qualche garanzia ? può esercitare il diritto di recesso ?

RISPOSTA

Non può rivalersi su di te, per i seguenti motivi:
-non comprendo quale sia il vizio del veicolo … il venditore non ha denunciato il vizio del veicolo! Tutti i veicoli usati, con un investimento del meccanico di 1000 euro circa, potrebbero diventare più efficienti e performanti … ma questo non significa che l'auto oggetto della vendita era “viziata” ai sensi delle norme del codice civile.
-non hai fornito alcuna garanzia convenzionale, pertanto eri soltanto tenuto a garantire che l'auto fosse idonea all'uso, nonché priva di vizi occulti.
Art. 1490 del codice civile - Garanzia per i vizi della cosa venduta.
Il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all'uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore.
Il patto con cui si esclude o si limita la garanzia non ha effetto, se il venditore ha in mala fede taciuto al compratore i vizi della cosa.

Art. 1491 del codice civile - Esclusione della garanzia.
Non è dovuta la garanzia se al momento del contratto il compratore conosceva i vizi della cosa; parimenti non è dovuta, se i vizi erano facilmente riconoscibili, salvo, in questo caso, che il venditore abbia dichiarato che la cosa era esente da vizi.



• Considerato che il compratore è anche un mio vicino di casa e tutto sommato ci tengo a mantenere un buon rapporto, se il mio meccanico verifica che effettivamente c'è un difetto anteriore alla vendita, sarei anche disponibile a compensare ridando indietro una quota di denaro (pensavo a € 300).

RISPOSTA

Appunto, un vizio, un difetto … ma qual è il vizio oppure il difetto?!
A mio parere, l’acquirente ha voluto fare un investimento di 800 euro per rendere più performante un'auto che non lo era più per ovvi motivi, avendo percorso un buon numero di chilometri.
Un conto è che l'acquirente ti dica che il braccio delle ruote anteriori era rotto, quindi l'ha dovuto sostituire, perché ne andava di mezzo la sicurezza del veicolo.
Un altro paio di maniche è che l'acquirente ti dice che ha speso 800 euro per fare andare più veloce il veicolo … spero di avere reso l'idea …



Tuttavia questo potrebbe suonare come una ammissione di colpa da parte mia (come se gli avessi occultato qualche magagna). Come posso fare ad andargli incontro senza assumermi ulteriori successivi oneri?

RISPOSTA

Chiedere qual è il vizio per cui si è resa necessaria la riparazione da 800 euro.
Quale componente del veicolo era rotta?
Quale componente del veicolo era da sostituire, non a causa della normale usura di un veicolo usato, ma a causa di una rottura che tu avresti inavvertitamente occultato?



Va bene una scrittura privata in cui facciamo una transizione in modo che lui non possa avere più nulla a pretendere?

RISPOSTA

Transazione!!! contratto di transazione!!!
Va benissimo, ma qual è il vizio del veicolo?!



In caso positivo può darmi un modello da poter compilare? in caso negativo può suggerirmi come comportarmi e come cautelarmi?

RISPOSTA

Ti invierò il modello senza alcun costo aggiuntivo, tuttavia ho necessità di sapere qual è il vizio del veicolo.
Quale componente era “rotta” (non usurata … rotta !!!), tuttavia tu, in assoluta buona fede, non te ne eri reso conto al momento della vendita.
Resto in attesa di un tuo riscontro per concludere la presente consulenza.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: