Vuoi chiedere una consulenza online ai nostri Avvocati?
RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

Garanzia auto usata problemi ammortizzatore





Salve, il giorno 29/06/2021 ho acquistato una macchinata usata (una Peugeot 2008 con 20.000 km) dal concessionario. Tutto bene, finché il mese di agosto inizia a darmi problemi, il 28 agosto vado dal meccanico della stessa concessionaria e mi confermano che sono gli ammortizzatori anteriori da cambiare, poiché è un problema di usura non rientra in garanzia, sebbene io abbia acquistato l'auto da appena due mesi.

RISPOSTA

Un attimo … cosa dobbiamo intendere  per problema di usura relativamente ad un veicolo usato?!
Gli ammortizzatori devono essere cambiati in media ogni 80.000 Km, a seconda delle strade che si percorrono.
Se l'auto viene messa a dura prova su strade sconnesse e accidentate, le verifiche dovrebbero essere più frequenti e gli ammortizzatori potrebbero essere cambiati anche ogni 70.000 Km.
Tuttavia l'auto che hai acquistato ha poco più di 20.000 Km … e non l'hai utilizzata nei mesi di luglio agosto per partecipare alla Parigi Dakar!
La Peugeot 2008 come tutte le auto, ha un suo piano di manutenzione; è forse previsto nel piano di manutenzione, il cambio degli ammortizzatori ogni 25.000 Km?
Se così fosse, potremmo parlare tranquillamente di problema di usura …
in realtà, in questo caso si tratta di un vizio occulto, dolosamente nascosto dal concessionario al momento della vendita, ai sensi dell'articolo 1495 del codice civile.
Art. 1495 del codice civile - Termini e condizioni per l'azione.
Il compratore decade dal diritto alla garanzia, se non denunzia i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta, salvo il diverso termine stabilito dalle parti o dalla legge.
La denunzia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del vizio o l'ha occultato. L'azione si prescrive, in ogni caso, in un anno dalla consegna; ma il compratore, che sia convenuto per l'esecuzione del contratto, può sempre far valere la garanzia, purché il vizio della cosa sia stato denunziato entro otto giorni dalla scoperta e prima del decorso dell'anno dalla consegna.

Hai pertanto diritto di chiedere al concessionario un risarcimento del danno pari quanto meno al costo per la sostituzione dell'ammortizzatore.
Art. 1494 del codice civile - Risarcimento del danno.
In ogni caso il venditore è tenuto verso il compratore al risarcimento del danno, se non prova di avere ignorato senza colpa i vizi della cosa.
Il venditore deve altresì risarcire al compratore i danni derivati dai vizi della cosa.

Quand'anche fosse vero che non sussiste copertura della garanzia convenzionale né legale, a carico del concessionario, trattandosi di vizio occulto, avresti comunque diritto ad un congruo risarcimento danni.



Il mio quesito è : è davvero Così? Essendo un problema di usura le spese a chi sono a carico?

RISPOSTA

A prescindere dal vizio occulto, si tratta di un intervento che rientra nella garanzia legale del codice del consumo, pari ad una durata di almeno 12 mesi dall'acquisti.
I difetti che si manifestano nei primi 6 mesi dalla data della vendita si presume che esistessero già al momento dell’acquisto.
Spetta pertanto al venditore dimostrare che il difetto denunciato dall’acquirente non è a lui imputabile e non deriva dalla normale usura.
Il consumatore ha due mesi di tempo dalla scoperta del difetto per effettuare la denuncia al venditore. È possibile denunciare il difetto manifestatosi anche l’ultimo giorno della garanzia.
Ciò comporta l’allungamento della garanzia di 2 mesi.
Procedi come segue:
a)invio di una raccomandata a/r al concessionario, per la denuncia del vizio occulto agli ammortizzatori, con richiesta di copertura della garanzia del codice del consumo (decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206).
b)in caso di inottemperanza del concessionario, atto di citazione al giudice di pace (immagino che l'importo degli ammortizzatori sia inferiore a 5000 euro). L'azione dinanzi al giudice di pace si prescrive entro un anno dalla consegna del veicolo.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: