Vuoi chiedere una consulenza online ai nostri Avvocati?
RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

Conflitto di interesse membro commissione concorso pubblico ASL





Un componente dell'Organismo Indipendente di Valutazione (O.I.V.) di un'Azienda Ospedaliera, nel corso del suo mandato, può partecipare ad un concorso indetto dalla stessa Azienda?
Preciso che durante tutta la procedura concorsuale sono stati puntualmente pubblicati, sull'Albo Pretorio, diversi verbali dell'Organismo dai quali risulta l'effettiva presenza del componente.
Disponibile per ulteriori chiarimenti, ringrazio anticipatamente.

RISPOSTA

Il componente dell'OIV può partecipare al concorso pubblico; il decreto legislativo 150/2009 non prevede alcuna incompatibilità in tal senso.
L'art. 14 del decreto legislativo n. 150/2009, prevede che “Ogni amministrazione, singolarmente o in forma associata, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, si dota di un Organismo indipendente di valutazione della performance.

Semmai non potrebbe far parte della commissione esaminatrice di questo concorso, un dirigente interno la cui performance è oggetto di misurazione e valutazione da parte di questo componente dell'OIV.
Nel momento in cui i dirigenti interni, membri della commissione esaminatrice, prendono atto della partecipazione al concorso di un membro dell'OIV, dovrebbero dichiarare la sussistenza di un conflitto di interessi nei suoi confronti, ai sensi dell'articolo 6 bis della legge 241/1990, comunicando tale fattispecie ostativa al direttore amministrativo nonché al direttore generale della ASL.
Il direttore amministrativo, stante la situazione di conflitto di interessi, procederà alla sostituzione della commissione interna, con una commissione composta da dirigenti esterni, appartenenti ad ASL differenti, nei confronti dei quali non potrebbe sorgere alcun conflitto di interessi.

Art. 6-bis della legge 241/1990. (Conflitto di interessi)
1. Il responsabile del procedimento e i titolari degli uffici competenti ad adottare i pareri, le valutazioni tecniche, gli atti endoprocedimentali e il provvedimento finale devono astenersi in caso di conflitto di interessi, segnalando ogni situazione di conflitto, anche potenziale.

Diciamo che il conflitto di interessi si configura in ragione del particolare rapporto “valutato – valutatore” tra il membro interno di una commissione esaminatrice ed il componente dell'OIV.
La soluzione è molto semplice: una commissione composta esclusivamente da dirigenti esterni. Diversamente, la graduatoria del concorso potrebbe essere annullata con ricorso al TAR per violazione di legge, appunto per violazione della norma che prevede l'astensione quale misura anticorruzione in caso di conflitto di interessi in sede di concorsi pubblici.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: