Cumulo tre giorni di permesso art 33 della legge 104/92 con i giorni di congedo parentale





Buongiorno, vorrei sapere se è consentito il cumulo nell'arco dello stesso mese dei 3 giorni di permesso previsti dall'art 33 della legge 104/92 con i giorni di congedo parentale ordinario (fruiti non in maniera continuativa ma intervallati con giorni di ripresa lavorativa e naturalmente in giornate diverse) in capo allo stesso bambino disabile di anni 5.
Grazie
Cordiali saluti

RISPOSTA

I tre giorni di permesso previsti dall'articolo 33 della legge 104/92 non sono cumulabili con il prolungamento del congedo parentale. I genitori di figli disabili con connotazione di gravità, possono richiedere l’estensione del congedo parentale in alternativa ai 3 giorni di permesso (mensili). Si tratta di istituti alternativi, aventi la stessa finalità.
I permessi giornalieri previsti dall'articolo 33 della legge 104/92 possono essere cumulati invece con il congedo parentale ordinario (ex astensione facoltativa di 6 mesi per la madre e 7 mesi per il padre, con un massimo di 10/11 mesi se fruito da entrambi) e con il congedo malattia per figlio ai sensi dell'art. 42, quarto comma, legge n. 104/1992; si tratta della fattispecie oggetto della presente consulenza on line.
Le circolari Dipartimento Funzione Pubblica n. 13/2010, inps n. 155/2010 e INPDAP n. 1/2011 (circolari rivolte sia ai dipendenti pubblici che ai lavoratori del settore privato) specificano quanto segue: trattandosi di istituti speciali rispondenti alle medesime finalità di assistenza al disabile in situazione di gravità, la fruizione dei benefici dei tre giorni di permesso mensili (art. 33 comma 3 legge 104/92), del prolungamento del congedo parentale e dei permessi orari giornalieri (art 33 comma 2 L. 104/92) deve intendersi alternativa e non cumulativa nell’arco del mese. Pertanto, nel mese in cui uno o entrambi i genitori, anche alternativamente, abbiano beneficiato di uno o più giorni di permesso ai sensi dell’art. 33, comma 3, gli stessi non potranno usufruire per lo stesso figlio dei permessi orari giornalieri (art. 33 – comma 2 L.104/92) o del prolungamento del congedo parentale. Allo stesso modo, nel mese in cui uno o entrambi i genitori abbiano fruito, anche alternativamente, del prolungamento del congedo parentale o dei permessi orari giornalieri (art. 33 –comma 2 legge 104/92), gli altri parenti o affini aventi diritto non potranno beneficiare per lo stesso soggetto in situazione di disabilità grave dei tre giorni di permesso mensili (art. 33 – comma 3 L. 104/92).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: