Espulsione dal corso dal corso di formazione allievi finanzieri e requisiti partecipazione concorsi pubblici





Salve Avvocato,
espongo il mio problema:
Mentre frequentavo il corso di formazione alla scuola allievi finanzieri (come vincitore di concorso) sono stato espulso per una denuncia imputato degli artt. 81 cpv. e 110 del codice penale e 73, comma 5, DPR n. 309/90.

RISPOSTA

Attenzione, non è proprio così …
Sei stato espulso non per la denuncia ma per il rinvio a giudizio e la richiesta del magistrato di giudizio immediato, in considerazione dell'evidenza della prova del reato.
Poiché in data 9 novembre 2020 non avevi subito una condanna penale, sei stato espulso dal corso con proscioglimento della ferma a causa della “perdita dei requisiti morali e di condotta”.



A seguito di questo, il comando scuola allievi finanzieri ha ritenuto di dovermi espellere dal corso di cui vi è già ricorso al TAR di Roma in attesa che venga fissata l'udienza.

RISPOSTA

Immagino che tu abbia presentato al TAR anche un ricorso cautelare d'urgenza, per l'annullamento del provvedimento di espulsione, nelle more del processo amministrativo ordinario.



Il problema che mi pongo ora riguarda la domanda per la graduatoria ATA (bando in allegato) con ultimo giorno di scadenza il 22/04/2021; non so e non capisco , se ci sia o meno la possibilità di poter effettuare la domanda essendo stato condannato in primo grado.

RISPOSTA

… quindi nel frattempo è intervenuta la sentenza di condanna in primo grado.
E' divenuta definitiva ? Hai fatto appello? Sei ancora in tempo per fare appello contro la sentenza di primo grado? Vorrei capire se la sentenza è passata in giudicato. E' un particolare molto importante.



Ma, soprattutto, essendo stato espulso dalla Pubblica Amministrazione viste le limitazioni previste nel bando.
Distinti saluti.

RISPOSTA

Leggiamo i requisiti del bando ATA:
sei stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero siano stati licenziati per giusta causa o giustificato motivo soggettivo?
No. Ai sensi dell'articolo 635 comma 1 lettera i) del d.lgs. n. 66/2010, per il reclutamento nelle Forze armate occorre il seguente requisito generale: avere tenuto condotta incensurabile. Non avendo più questo requisito, sei stato espulso dal corso dal corso di formazione allievi finanzieri ed il comandante ha prosciolto la ferma quadriennale di cui all'articolo 784 del d.lgs. n. 66/2010.
Non si tratta di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, ma di proscioglimento dalla ferma per assenza del requisito della condotta incensurabile, previsto per i frequentatori del corso allievi finanzieri.
Sei stato dichiarato decaduto da un impiego statale, ai sensi dell’articolo 127, primo comma, lettera d), del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, o siano incorsi nella sanzione disciplinare della destituzione?
Assolutamente no.
Hai riportato condanne penali con sentenza passata in giudicato per reati che costituiscono un impedimento all’assunzione presso una pubblica amministrazione, ovvero che siano stati destinatari dei provvedimenti giudiziari indicati nell’articolo 25-bis del D.P.R. 14 novembre 2002, n. 313?
La tua condanna non è ancora passata in giudicato.
A mio parere, l'espulsione dal corso non ti impedisce di partecipare alla selezione ATA. Consiglio a scanso di equivoci, di indicare nella domanda di partecipazione al concorso, il proscioglimento dalla ferma da allievo finanziere, per il venir meno del requisito di cui all'articolo 635 comma 1 lettera i) del d.lgs. n. 66/2010; è qualcosa di giuridicamente diverso da un licenziamento oppure dalla destituzione – dispensa per persistente insufficiente rendimento.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: