Diritto alla riserva di posti per militari volontari in ferma nei concorsi pubblici





Buonasera, ho partecipato recentemente ad un concorso in PA chiedendogli di partecipare alla riserva dei posti in qualità volontario in ferma prolungata di due anni nell'esercito perché all'epoca mi dissero che avevo tale vantaggio nei concorsi ed alcuni miei ex commilitoni so che l'hanno usata.
Però mi è venuto il dubbio su come avrei dovuto dimostrare di averne diritto e sono andato a guardare le FAQ della difesa dove purtroppo non trovo la mia figura immagino perché vecchiotta infatti parliamo del 1992 dove come volontario vi era solo la figura di VFP biennale non c'era ne VFP 1 ne VFP 4.
Vorrei sapere se mi e' stato tolto il diritto alla riserva o se invece rientro o se posso ricorrere ecc.
Ho letto anche letto una vostra consulenza su una questione simile, ma che però sembra essere a mio favore. Inserisco il link:
Diritto alla riserva di posti nei concorsi pubblici per il militare

RISPOSTA

Non hai diritto alla riserva di posti riservata ai volontari di cui agli articoli 1014 e 678 del d.lgs. 66/2010 cit., per i seguenti motivi: il codice dell'ordinamento militare (d.lgs. n. 66/2010, art. 2268, comma 1) ha disposto l'abrogazione espressa della precedente normativa in materia di arruolamento e di benefici accordati al personale militare di leva e/o volontario pertanto, con l’attuale assetto normativo, le tipologie di servizio che consentono il riconoscimento del beneficio in questione sono soltanto le seguenti:
-volontari in ferma breve triennale
-volontari in ferma prefissata per uno o quattro anni (VFP1 e VFP4)
-ufficiali di complemento in ferma biennale (AUC raffermati per 24 mesi dopo il servizio di prima nomina)
-ufficiali in ferma prefissata (AUFP 30 mesi).
Si tratta appunto delle categoria di volontari espressamente enunciate agli artt. 1014 e 678 del d.lgs. 66/2010 – codice dell'ordinamento militare.
Il volontario che ha prestato servizio, in qualità di militare ferma prolungata biennale, all'inizio degli anni '90, non rientrando nel perimetro applicativo della norma suddetta, non ha diritto all’applicazione della riserva dei posti in sede di concorso pubblico.
Il servizio in qualità di militare ferma prolungata biennale potrà essere valutato esclusivamente ai fini dell’integrazione del punteggio concorsuale come previsto dell’art. 2050 del codice dell'ordinamento militare.
La consulenza pubblicata sul nostro sito web, si riferisce ad un VFP1 dal 2009 al 2010, quindi non è inerente al caso “de quo”.
Mi dirai … sostanzialmente cambia poco …
Invece non è proprio così perché, come già precisato, il codice dell'ordinamento militare (d.lgs.n. 66/2010, art. 2268, comma 1) ha disposto l'abrogazione espressa della precedente normativa in materia di arruolamento e di benefici accordati al personale militare di leva e/o volontario.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: