Trasferta dipendente part time senza clausole elastiche





Buongiorno, ho un contratto metalmeccanico part time 90% orizzontale con qualifica di operaio specializzato, con assenza di clausole elastiche (dal lunedì al mercoledì dalle 8.00-12.00 e dalle 13.00 alle 17.00; dal giovedì al venerdì con orario 8.00-12.00 e dalle 12.00 alle 16.00), vorrei sapere se il datore può inviarmi in trasferta o posso rifiutarmi in quanto verrebbe a mancare il presupposto del "tempo libero" fondamento del contratto part-time.

RISPOSTA

Il presupposto della tua domanda è il seguente: il tuo contratto individuale di lavoro non prevede nulla a proposito di obbligo di trasferta.
In generale, dobbiamo distinguere tra le trasferte con pernottamento e le trasferte senza pernottamento.
Le trasferte senza pernottamento sono certamente compatibili con un rapporto di lavoro part time. Non a caso, l'articolo 7 del CCNL metalmeccanico prevede che “il lavoratore in trasferta dovrà attenersi alle norme contrattuali (contratto part time in questo caso) per quanto riguarda la disciplina sul lavoro e alle istruzioni impartite dall'azienda per quanto riguarda l'esecuzione del lavoro cui sia adibito”.
Art. 7 – Trasferta
Le trasferte con pernottamento non sono compatibili con il presupposto del “tempo libero” di cui alla giurisprudenza di Cassazione.
La Corte di Cassazione ha stabilito in tema di orario di lavoro che “i limiti allo ius variandi dell’imprenditore nei contratti di lavoro part-time, nei quali la programmabilità del tempo libero (eventualmente in funzione dello svolgimento di un ulteriore attività lavorativa) assume carattere essenziale che giustifica l’immodificabilità dell’orario da parte datoriale - non sono estensibili nei contratti di lavoro a tempo pieno” (Cassazione sentenza n. 4507/93).
Secondo la Cassazione, la tutela della programmabilità del tempo libero, se non può essere intaccata da modifiche dell’orario di lavoro, ancora meno può essere turbata dal mutamento, ingiustificato, del luogo di lavoro, una volta che questo è stato espressamente e convenzionalmente pattuito dalle parti.
La particolare tutela di cui gode la disciplina del lavoro a tempo parziale deriva proprio dalla prospettiva di favorire la diffusione di questa forma di rapporto in funzione della promozione dell’occupazione.
Nel bilanciamento del dovere di obbedienza ex art. 2104 del codice civile e delle tutela del lavoro a tempo parziale, si riscontra in relazione ai diritti e ai doveri delle parti che “gli art. 2086 e 2104 del codice civile che prevedono il potere gerarchico del datore di lavoro sul lavoratore vanno interpretati alla luce del generale principio secondo cui ciascuna parte contrattuale può pretendere e deve fornire soltanto le prestazioni previste dal contratto. Ne consegue che , da una lato i superiori gerarchici non possono richiedere prestazioni che siano chiaramente escluse dal contratto medesimo, e che dall’altro il lavoratore ha diritto di rifiutare prestazione di tale tipo (Cassazione civile sentenza n. 5643/99).



Suddetta trasferta, della durata di dieci giorni, è organizzata in tale maniera: trasferta giornaliera con 2 ore di viaggio per recarsi sul cantiere e ritorno in sede, con in più un’ora di lavoro supplementare nei giorni di giovedì e venerdì, quindi ricapitolando sarebbero 4 ore di viaggio al giorno più 2 ore supplementari nei giorni in cui avrei complessivamente 7 ore di lavoro effettivo.

RISPOSTA

Questa trasferta senza pernottamento, deve essere organizzata in modo tale da salvaguardare il tempo libero del dipendente in part time.
Altrimenti il dipendente part time non potrà andare in trasferta …



Per di più sono affetto da una grave patologia segnalata al medico aziendale.

RISPOSTA

A prescindere da questa patologia la trasferta deve essere organizzata in modo tale da salvaguardare il tempo libero del dipendente in part time.



Sono stato assunto da quest'impresa per una cessione di ramo d'azienda, provenendo da una cooperativa in cui avevo contratto multiservizi e qualifica di facchino sempre part-time 95%, mantenuta per due anni dal passaggio di ramo, poi mi hanno cambiato contratto a quello tutt'ora in vigore, senza mai farmi firmare o vedete la documentazione, solo dalla busta paga ho riscontrato tale passaggio.
Vi ringrazio, distinti saluti.

RISPOSTA

Avrei necessità di esaminare il tuo contratto individuale di lavoro per confermare la presente consulenza.
La trasferta è stata forse disciplinata espressamente da questo contratto di lavoro part time?
Potresti inviarlo in allegato ad una email?
Resto in attesa di un tuo riscontro.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: