Quantificazione dell’assegno di mantenimento con condivisione dell’affidamento





Calcolo assegno mantenimento x un figlio? La situazione é questa: sposati in comunione dei beni comproprietari Al 50% della casa coniugale Non ci sono mutui ne debiti di alcun tipo Abbiamo un figlio di 6 anni Lei vuol separarsi consensualmente Lavora guadagna circa 1400 euro.
Io lavoro, guadagno circa 1500.
La casa come ovvio resta a lei
. Posso sapere indicativamente quanto ammonta l'assegno per il figlio
Do per scontato che la moglie non riceva niente anche perché dice di non voler niente

Grazie

RISPOSTA



Innanzitutto confermo che la moglie non ha diritto al mantenimento, percependo redditi equipollenti a quelli percepiti dal marito, quindi avendo adeguati redditi propri, come previsto dall'articolo 156 I comma del codice civile.

Art. 156 del codice civile - Effetti della separazione sui rapporti patrimoniali tra i coniugi.
Il giudice, pronunziando la separazione, stabilisce a vantaggio del coniuge cui non sia addebitabile la separazione il diritto di ricevere dall'altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri.
L'entità di tale somministrazione è determinata in relazione alle circostanze e ai redditi dell'obbligato.
Resta fermo l'obbligo di prestare gli alimenti di cui agli articoli 433 e seguenti.
Il giudice che pronunzia la separazione può imporre al coniuge di prestare idonea garanzia reale o personale se esiste il pericolo che egli possa sottrarsi all'adempimento degli obblighi previsti dai precedenti commi e dall'articolo 155.
La sentenza costituisce titolo per l'iscrizione dell'ipoteca giudiziale ai sensi dell'articolo 2818. In caso di inadempienza, su richiesta dell'avente diritto, il giudice può disporre il sequestro di parte dei beni del coniuge obbligato e ordinare ai terzi, tenuti a corrispondere anche periodicamente somme di danaro all'obbligato, che una parte di esse venga versata direttamente agli aventi diritto. Qualora sopravvengano giustificati motivi il giudice, su istanza di parte, può disporre la revoca o la modifica dei provvedimenti di cui ai commi precedenti.


Consiglio, in sede di separazione consensuale dei coniugi, di definire nel dettaglio quali sono le spese straordinarie nell'interesse della prole, da collocare “fuori” dal mantenimento ordinario mensile: ad esempio le spese mediche, acquisto libri scolastici, vacanze, cerimonie tipo prima comunione, sport etc etc.
Le spese straordinarie saranno sostenute al 50% da ambo i genitori, avendo gli stessi redditi equipollenti.

La quantificazione dell'assegno di mantenimento “ordinario” spettante alla prole, dipende anche dall'effettiva condivisione dell'affidamento di tuo figlio.
Tanto per capirci, se tuo figlio trascorresse tempo equivalente sia con il padre che con la madre, non sarebbe necessario prevedere alcun assegno di mantenimento! Si tratta di un'ipotesi molto difficile da realizzare, considerato che tuo figlio pernotterà quasi sempre presso l'abitazione familiare con sua madre.

Se l'affidamento fosse di natura esclusiva in favore della madre (altro caso limite … ad esempio, padre con problemi di alcol), il mantenimento sarebbe pari a circa il 25% del tuo reddito netto (considerando altresì che la casa familiare sarà attribuita alla moglie), ossia circa 370 euro mensili.

Allora … affidamento perfettamente condiviso: zero euro a titolo di mantenimento.
Mantenimento esclusivo in favore della madre: 370 euro mensili.
Questi sono i due casi limite … collochiamo adesso all'interno della nostra forbice, il caso “de quo”, in ragione delle ore che tuo figlio trascorrerà con te, per poi fare un'equazione di primo grado, al fine di calcolare il mantenimento mensile.

Resto in attesa di un tuo riscontro.
Quanto tempo trascorrerà con te tuo figlio, nell'arco di una settimana tipo?

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: