Vuoi chiedere una consulenza online ai nostri Avvocati?
RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

Fac simile richiesta perizie distacco dei condomini dall'impianto di riscaldamento centralizzato condominiale





Gentilissimo avvocato, l'amministratore ha consentito ad alcuni condomini, di distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato, senza le dovute perizie idonee ad escludere notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini, ai sensi dell'articolo 1118 comma IV del codice civile.
Prima di contestare la grave omissione dell'amministratore, vorrei avere la certezza dell'assenza delle perizie, visto che l'amministratore un giorno mi dice di averle chieste, l'altro giorno mi comunica di non potermele esibire! Vorrei un'istanza di accesso agli atti da inviare all'amministratore, dovendo successivamente adire le vie legali, considerato che il distacco di questi condomini ha notevolmente aggravato la spese per il riscaldamento, a carico di quelli come me che non si sono ancora distaccati.
Grazie

 

RISPOSTA



Occorre procedere con un'istanza di accesso agli atti condominiali nei confronti dell'amministratore, avente quale oggetto le perizie in questione.

OGGETTO: ACCESSO AGLI ATTI CONDOMINIALI, RICHIESTA PERIZIE RELATIVE AL DISTACCO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO.

Premesso che si sono distaccati dall'impianto centralizzato i seguenti condomini: Tizio, Caio, Sempronio etc etc

Premesso che l'articolo 1118 comma IV del codice civile prevede quanto segue: “Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma”

Premesso che Ella ha dichiarato che i predetti condomini hanno regolarmente presentato perizia redatta da un tecnico abilitato, attestante che dal distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini

Considerato che i condomini hanno diritto di accesso a qualsiasi documento condominiale idoneo ad attestare il corretto funzionamento e la sana gestione del complesso condominiale.
Considerato che secondo la sentenza n. 2220 della Cassazione civ., Sez. II, 5 aprile 1984, il singolo condomino ha diritto di chiedere all'amministratore l’esibizione di determinati documenti, ove si deduca e dimostri uno specifico interesse al riguardo.

Considerato che laddove fosse stato consentito al condomino il distacco dall'impianto centralizzato, in assenza della richiesta perizia, la scrivente avrebbe subito un notevole danno in termini economici, considerato il conseguente incremento delle spese di riscaldamento a suo carico

Tanto premesso e considerato, chiedo che le perizie "de quo", siano inviate al seguente indirizzo email xxxxxxxxx, entro 30 giorni dal ricevimento della presente.

Con riserva di adire le vie legali, in caso di mancato rispetto delle norme di legge. Salvezze illimitate.

LUOGO, DATA FIRMA

Verifichiamo innanzitutto se queste perizie sono state regolarmente richieste e prodotte.
Cosa fare nel caso in cui queste perizie non siano state richieste dall'amministratore?
Si potrebbe instaurare un giudizio nei confronti del condominio rappresentato dall'amministratore e del singolo condomino.
A mio parere, sarebbe più conveniente chiedere anche tu il distacco dall'impianto di riscaldamento centralizzato tuttavia, consiglio di inviare comunque la richiesta di accesso agli atti, giusto per far capire all'amministratore che “ca nisciun è fess” …

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: