Ditta installatrice impianto fotovoltaico minaccia di non inviare all'ENEA la certificazione energetica





Ho appena istallato un sistema fotovoltaico che per quanto riguarda installazione e contratto è stato fatto tutto secondo le regole.
Durante le operazioni di collegamento elettrico, un interruttore del mio pannello salva vita si è bloccato ed il tecnico mi ha detto che bisognava sostituirlo. Si è' offerto di andare a comprarlo lui seduta stante e al suo ritorno lo ha inserito sul Piano pannello salva vita è tutto a ripreso a funzionare perfettamente.
Dato che al momento non avevamo contanti in casa, il tecnico ha detto che i 68 Euro (costo dell'interruttore.) avremmo potuti consegnarli al suo collega dietro presentazione dello scontrino fiscale in occasione dell’allacciamento alla rete nelle qualche giorno più' tardi. Sennonché' ho ricevuto una fattura di 198 Euro dalla ditta che ha. Fornito il fotovoltaico.
Dato che la fattura mi sembrava eccessiva, ho inviato email con richiesta di spiegazioni al titolare dell'azienda il quale mi ha risposto semplicemente che visto che non intendevo pagare la fattura, aveva bloccato la pratica il rimborso fiscale del 50% del valore dell'impianto.
Il mio quesito è' il seguente:

Dato che il titolare ha scritto ripetutamente che l'interruttore non fa parte dell'impianto fotovoltaico ma è un lavoro separato, può l'azienda bloccare la pratica di rimborso fiscale da parte dello stato? La ringrazio per una sua risposta.

Cordiali saluti

RISPOSTA

L'azienda non avrebbe titolo giuridico per bloccare la pratica di rimborso fiscale da parte dell'erario, per quelle stesse motivazioni esposte nel tuo quesito.
Immagino che si tratti della detrazione IRPEF al 50% (disciplinata dall’art.16-bis del Dpr 917/86) previste per le ristrutturazioni, il recupero edilizio ed il fotovoltaico domestico, da non sono da confondersi con le detrazioni fiscali del 65% (ecobonus) per il risparmio energetico. Le detrazioni fiscali del 65% si applicano agli impianti solari termici (no fotovoltaici) per la produzione di acqua calda e per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici (isolamenti, coibentazioni, serramenti, infissi, caldaie, pompe di calore, pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, ecc…).

Tanto premesso, concretamente, come potrebbe l'azienda installatrice “bloccare” una detrazione fiscale che spetta al contribuente, al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi?

Per beneficiare della detrazione occorre pagare il corrispettivo dei lavori tramite bonifico bancario o postale indicando:
– la causale specifica del pagamento
– i dati fiscali del cliente e dell’impresa che effettua i lavori

Nella dichiarazione dei redditi dovranno essere indicati i dati catastali dell’immobile su cui viene realizzato l’impianto fotovoltaico; occorrono altresì le autorizzazioni comunali richieste in fase di inizio lavori.

Sarà necessario inviare all'ENEA la certificazione energetica dell'immobile; quest'ultima dovrà essere spedita entro 90 giorni dalla fine dei lavori di installazione.

Per richiedere le detrazioni fiscali sarà necessario inviare all'ASL la documentazione relativa ai lavori svolti per l'installazione dell'impianto fotovoltaico.

Tanto premesso, vorrei chiederti dove si è bloccato il procedimento relativo alle detrazioni fiscali?

Immagino che la ditta si rifiuti di inviare all'ENEA la certificazione energetica dell'immobile, entro 90 giorni dalla fine dei lavori di installazione.

Non è assolutamente legale, considerato che l'istallazione del pannello fotovoltaico è ormai completa, a prescindere dall'interruttore del pannello salva-vita (… e dal pagamento della relativa fattura).

La fattura del salva-vita non beneficia della detrazione al 50% … non ha nulla a che vedere con l'agevolazione fiscale!!!

La ditta è obbligata ad inviare la documentazione sia all'ENEA che alla ASL, avendo svolto e terminato i lavori di installazione dell'impianto fotovoltaico!

Diversamente, la ditta installatrice dovrà risarcire il danno cagionato al suo cliente, pari al mancato introito relativo alla detrazione pari al 50% sulle spese di installazione dell'impianto fotovoltaico.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

PS. Per ottenere il pagamento della fattura, la ditta dovrebbe procedere con ricorso per decreto ingiuntivo al tribunale civile … anziché ricattare illegalmente il suo cliente!!!

Fonti: