Usufrutto del denaro dell'asse ereditario lasciato con testamento alla moglie





Ho ricevuto da mio zio (fratello di mio padre ) senza figli, un testamento che riporta queste parole: alla cugina X lego l'alloggio sito in ....nel residuo istituisco erede universale di tutti i miei beni per l'usufrutto generale vitalizio mia moglie Y e per la nuda proprietà mia nipote W ( io ) data e firma; i pareri sono molto discordi sui miei diritti, i beni di mio zio consistono nella casa dove abita la moglie e del denaro, il notaio ove era depositato il testamento sostiene che spetti anche a me una parte di denaro, un legale interpellato sostiene che mi spetti solo la casa alla morte della moglie e niente denaro, un altro che mi spetta 1/3 della parte di denaro appartenente allo zio;

 

RISPOSTA



Il testamento prevede quanto segue in estrema sintesi:
istituzione di un legato in favore della cugina:
-istituzione di due eredi universali, con determinazione di quote di differente valore:

a)coerede A, la moglie, usufruttuaria generale di tutti i beni dell'asse ereditario, quindi anche del denaro e dei titoli finanziari
b)coerede B, la nipote, nuda proprietaria di tutti i beni dell'asse ereditario, quindi anche del denaro e dei titoli finanziari

E' configurabile l'usufrutto del denaro?

L'art.995 del codice civile afferma che se l'usufrutto comprende cose consumabili come il denaro, l'usufruttuario ha diritto di servirsene e ha l'obbligo di pagarne il valore al termine dell'usufrutto secondo la stima convenuta.

L'usufrutto generale, previsto con testamento, si estende anche alle somme di denaro depositate in banca, oltre che ai titoli finanziari. Pertanto l'usufruttuario potrà godere delle somme e dei titoli con l'obbligo di restituire, alla sua morte, il capitale.

Il denaro è attualmente nella disponibilità della moglie usufruttuaria, tuttavia, la stessa dovrà restituire queste somme di denaro alla nipote, nuda proprietaria, al momento del suo decesso!

La nipote pertanto avrebbe diritto di chiedere alla moglie del “de cuius”, una garanzia bancaria o assicurativa, come ad esempio una polizza fideiussoria, al fine di potersi avvalere di idonea garanzia per la restituzione del capitale al termine dell'usufrutto.

Sostengo che ti spettano tutte le somme di denaro dell'asse ereditario … ma non adesso, soltanto alla morte della moglie usufruttuaria. Quest'ultima potrà utilizzare il denaro, ma dovrà garantire la restituzione dello stesso, alla sua morte, in favore della nipote-nuda proprietaria!



i nipoti da parte della zia mi dicono che prendendo del denaro dello zio ledo la quota legittima della zia...io vorrei sapere una volta per tutte cosa dice la legge in merito, la nuda proprietà in questo caso così com'è formulato il testamento, mi dà solo la proprietà della casa. O riguarda anche una parte di denaro di cui disponeva mio zio..??

 

RISPOSTA



Anche il denaro può essere oggetto del diritto di usufrutto. Lo prevede direttamente il codice civile.



naturalmente per ambo le cose alla morte della moglie ... non vorrei mai defraudare la zia del suo denaro in vita; ringrazio e saluto

 

RISPOSTA



Fintanto che la zia sarà in vita, potrà utilizzare il denaro oggetto di successione, soltanto con la garanzia della restituzione dello stesso in favore della nipote, ovviamente al termine dell'usufrutto (alla morte dell'usufruttuaria).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: