1 - Deposito testamento olografo notaio





Egr. avvocato, sono un uomo celibe di 83 anni, senza figli ed i miei fratelli sono tutti morti. Vorrei lasciare la mia eredità alla mia badante, nominandola erede universale, tramite testamento olografo, ma vorrei capire se, una volta redatto questo documento, sono obbligato a consegnarlo ad un notaio.
Ho sentito parlare del registro volontario dei testamenti olografi realizzato dal Consiglio Nazionale del Notariato; di cosa si tratta?

RISPOSTA

Il registro volontario dei testamenti olografi realizzato dal Consiglio Nazionale del Notariato, è operativo dallo scorso 6 novembre 2023.
Il testamento olografo è un tipo di testamento, definito dall'articolo 602 del codice civile: è il testamento scritto per intero, datato e sottoscritto, per mano del testatore. Dal 6 novembre i cittadini che depositano fiduciariamente il proprio testamento olografo presso un notaio, possono richiedere al medesimo di procedere alla trascrizione dei dati di tale deposito nel Registro Volontario dei Testamenti Olografi, prestando al notaio l’opportuno consenso anche ai fini della privacy.
Colui che ha scritto un testamento olografo e vuole depositarlo di propria iniziativa presso un notaio, sebbene non sia obbligato a farlo, può chiedere al notaio di procedere alla trascrizione dei dati di tale deposito, rilasciando apposita ricevuta di deposito.
Quali informazioni relative al testamento solo indicate nel registro?
-i dati anagrafici del testatore;
-la data di redazione del testamento olografo;
-la data del deposito fiduciario presso il notaio.

E' sempre possibile modificare la registrazione in caso di revoca del testamento oppure in caso di trasferimento del deposito dello stesso presso altro notaio (per morte del notaio depositario, pensionamento, altre motivazioni di carattere fiduciario).
Qual è l'utilità concreta di questo registro volontario dei testamenti olografi?
Nel momento in cui dovessi venire a conoscenza della morte di un tuo parente, potrai richiedere a qualsiasi notaio in Italia di effettuare la ricerca del testamento olografo, all'interno del registro digitale, presentando al notaio il certificato di morte del testatore.
Nel caso in cui risulti nel Registro, un testamento olografo presso un altro notaio, a quest'ultimo arriverà in automatico la notifica della ricerca effettuata che lo informerà del decesso del testatore e che qualcuno, interessato alla pubblicazione del testamento, ha effettuato la ricerca.
In concreto, nel momento in cui si ha la notizia della morte di un lontano parente, con il suo certificato di morte, ci si può recare presso un qualsiasi notaio per chiedere se nel registro volontario è presenta un testamento olografo e se tramite questo testamento olografo, questo lontano parente ha nominato erede colui che si è attivato per eseguire la ricerca digitale.
Ad ogni modo, la presentazione del testamento olografo al notaio, da parte del testatore, resta pur sempre facoltativa, così come l'iscrizione in questo registro digitale nazionale.



Posso scrivere il testamento olografo in stampatello?

RISPOSTA

Non è ammessa infatti la scrittura con mezzi meccanici e non si può scrivere in stampatello, tranne che il testatore non scriva normalmente in stampatello.
Il testamento non può essere scritto da altri soggetti nemmeno sotto dettatura del testatore e neppure se il testatore firmi poi l’atto “mortis causa”.



Posso fare aggiunte o modifiche al testamento olografo, in un momento successivo alla sua redazione?
In che modo?

RISPOSTA

Certamente sì.
Ai fini della validità delle disposizioni testamentarie, le aggiunte devono essere autografe, datate e firmate con indicazione della data in cui si eseguono.



Posso scrivere due testamenti originali identici?

RISPOSTA

Sì, saranno entrambi validi a condizione che siano identici.



Posso scrivere il testamento olografo, come se fosse una lettera, intestandolo alla mia badante?

RISPOSTA

Sì, nulla osta ad impostare la redazione del testamento come se si trattasse di una lettera indirizzata all'erede universale.



La fotocopia di un testamento olografo è valida? L'erede può consegnare al notaio per la pubblicazione ai sensi dell'articolo 620 del codice civile, una fotocopia del testamento olografo?

RISPOSTA

In presenza di una fotocopia del testamento olografo, senza presentazione dell'originale, il notaio rifiuterà la pubblicazione dello stesso.
L'erede universale sarà obbligato a ricorrere innanzi al Tribunale civile per accertare giudizialmente la conformità della copia con l’originale e quindi l’autenticità del documento) La pubblicazione del testamento sarà possibile soltanto dopo un provvedimento favorevole del giudice adito dall'erede universale.
notaio. L’articolo 620 del Codice Civile prevede che “Chiunque è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo a un notaio per la pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore”.
Ricordo che sopprimere, distruggere ovvero occultare un testamento olografo è un reato sanzionato dall'articolo 490 del codice penale.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

2 - Testamento olografo nomina eredi due onlus fondazioni assenza di eredi legittimari





La mia situazione: in assenza di eredi legittimari,

RISPOSTA

Non hai moglie né figli né genitori ancora in vita, ossia i soggetti legittimari ai sensi dell'articolo 536 del codice civile.
Ti risponderò step by step, in quanto il tuo quesito è esposto in modo poco chiaro.



Poniamo volessi istituire eredi mediante testamento olografo due onlus e/o fondazioni e che il mio patrimonio fosse costituito solo da titoli di stato e c/c bancari

RISPOSTA

Puoi farlo ai sensi dell'articolo 602 del codice civile: “il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore. La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni”.



E poniamo avessi già sempre con testamento olografo istituito eredi tre minori consegnando un originale del testamento alla loro madre

RISPOSTA

Nel nuovo testamento olografo, a scanso di equivoci, scriverai espressamente che il precedente testamento si intende revocato.
Ai sensi dell'articolo 680 del codice civile, “la revocazione espressa può farsi soltanto con un nuovo testamento, o con un atto ricevuto da notaio in presenza di due testimoni, in cui il testatore personalmente dichiara di revocare, in tutto o in parte, la disposizione anteriore”.



Il nuovo testamento annullerebbe quello precedente ma dovrei inviare il testamento alle due onlus e/o fondazioni al fine della pubblicazione del testamento redatto

RISPOSTA

No.
Dallo scorso 6 novembre 2023 è attivo il registro volontario del testamenti olografi.
Deposita l'unico originale di testamento dal notaio di fiducia, chiedendo una ricevuta di deposito e l'iscrizione nel registro volontario dei testamenti olografi.
Alle Fondazioni/Onlus invierai una copia scansionata del testamento e la ricevuta di deposito dello stesso presso il notaio XXXXXX con gli estremi della registrazione nel registro volontario.



Quindi in triplice originale di cui una copia rimarrebbe in mio possesso o addirittura in quadruplice originale per affidarlo in via fiduciaria ad un notaio e dovrei poi fare in modo che i chiamati

RISPOSTA

E' sufficiente un unico originale da consegnare al notaio.



All'eredità venissero a conoscenza della mia scomparsa non so incaricando un terzo.

RISPOSTA

Puoi incaricare il notaio depositario del testamento di contattare le fondazioni/onlus indicate come eredi testamentari. Il notaio sarà ovviamente contattato da un tuo conoscente, al momento della tua morte.
Nel momento in cui qualcuno dovesse venire a conoscenza della tua morte, potrà richiedere a qualsiasi notaio in Italia di effettuare la ricerca del testamento olografo, all'interno del registro digitale, presentando al notaio il certificato di morte del testatore.
Nel caso in cui risulti nel Registro, un testamento olografo presso un altro notaio, a quest'ultimo arriverà in automatico la notifica della ricerca effettuata che lo informerà del decesso del testatore e che qualcuno, interessato alla pubblicazione del testamento, ha effettuato la ricerca. In concreto, nel momento in cui si ha la notizia della morte di un lontano parente, con il suo certificato di morte, ci si può recare presso un qualsiasi notaio per chiedere se nel registro volontario è presenta un testamento olografo e se tramite questo testamento olografo, questo lontano parente ha nominato erede colui che si è attivato per eseguire la ricerca digitale. Ad ogni modo, la presentazione del testamento olografo al notaio, da parte del testatore, resta pur sempre facoltativa, così come l'iscrizione in questo registro digitale nazionale.



E ancor prima avvertire non so come la madre dei tre minori che il testamento in suo possesso non ha più alcun valore.

RISPOSTA

Da un punto di vista giuridico, non saresti nemmeno tenuto ad avvisarla.



Mi rendo perfettamente conto che il quesito è abborracciato ma tutto sommato intellegibile da tecnici della materia prego chiarirmi le idee indicando l'iter da seguire per la piena validità del mio operare ringrazio.

RISPOSTA

Resto a disposizione per tutti i chiarimenti del caso. Cordiali saluti.

Fonti: