Spese mediche detrazione fiscale, quale documentazione conservare in caso di controllo formale agenzia entrate





Gentile avvocato, una domanda apparentemente semplice: quale documentazione occorre conservare, relativamente alla detrazione fiscale per spese mediche, di cui all'articolo 15 comma 1 lettera c) Testo Unico imposte sui redditi - D.P.R. del 22/12/1986 n. 917?

 

RISPOSTA



Nella maggior parte dei casi, per le spese sanitarie è riconosciuta una detrazione dall’Irpef di una percentuale della spesa sostenuta (19%) per la parte eccedente l’importo di 129,11 euro (la cosiddetta franchigia).

Di seguito, troverete una tabella che elenca i presupposti documentali per la detraibilità delle spese mediche, ossia la documentazione da conservare ed esibire in caso di controllo formale della dichiarazione dei redditi, da parte dell'agenzia delle entrate, ai sensi dell'articolo 36 ter del DPR 600/1973.

Detraibilità spese mediche

Spese per l’acquisto di medicinali Sono detraibili se certificate da fattura o “scontrino parlante”, con indicazione di codice fiscale del destinatario del prodotto, natura e quantità dei farmaci acquistati, codice alfanumerico che ne identifica la qualità.
Spese per protesi È necessario conservare anche la prescrizione del medico curante, salvo che non si tratti di soggetti abilitati ad avere rapporti diretti con il paziente, come l’ottico (esempio, acquisto occhiali da vista). Il contribuente in questo caso, ha comunque diritto di autocertificare la necessità e il motivo dell’acquisto.
Spese per sussidi tecnici e informatici per disabili È necessaria anche la certificazione del medico curante relativa alla finalità della spesa: facilitare l’autosufficienza e l'integrazione del portatore di handicap.
Spese mediche sostenute all’estero È necessaria la traduzione in italiano della documentazione in lingua originale: se la lingua originale è inglese, francese, tedesco o spagnolo, la traduzione può essere sottoscritta dallo stesso contribuente; per le altre lingue, occorre una traduzione giurata.
Spese veicolo per disabile Occorre la fattura di acquisto di un veicolo per persona disabile; se il disabile è a carico di un familiare, il veicolo può essere intestato indifferentemente ad uno dei due. Se il disabile ha redditi propri oltre i 2.840,51 euro, la fattura deve essere intestata al disabile, visto che soltanto lui ha diritto alla detrazione.



A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: