Iva agevolata 4% costruzione nuova abitazione bonifico per lavori





Buongiorno, sono in procinto di iniziare i lavori per la costruzione di una nuova abitazione. I lavori sono stati commissionati ad un'impresa che farà il grezzo; il resto dei lavori (intonacare, pitturare, piastrellare, tetto in legno, impianti) li affiderò direttamente ad altri artigiani. Essendo prima casa avrei l'iva al 4%; qui arriva il mio quesito: i pagamenti verranno effettuati da me (dal mio conto) e dalla mia fidanzata non convivente (suo conto personale).
Il terreno su cui costruiremo la casa è di mia proprietà e di conseguenza anche la concessione edilizia è a nome mio.
È possibile che parte dei costi vengano pagati dal conto della mia fidanzata usufruendo comunque dell'iva al 4%?
Ad esempio, la fattura degli infissi intestata a me con iva al 4% potrà essere pagata da lei dal suo conto personale?
Info che potrebbero essere utili: I lavori termineranno entro un anno e prenderemo entrambi la residenza nella nuova abitazione. La mia fidanzata non possiede immobili quindi avrebbe anche lei i requisiti per l'iva agevolata al 4%.
Quale soluzione sarebbe per voi la migliore?

 

RISPOSTA

 

La soluzione migliore è la seguente: la tua fidanzata bonificherà gli importi relativi agli infissi ovvero ad alcuni stati di avanzamento dei lavori (SAL), dal suo conto corrente al tuo conto corrente, con la causale ad esempio “somme per il pagamento infissi”. Una volta ricevuto il bonifico da parte della tua fidanzata, procederai ad effettuare il bonifico nei confronti della ditta appaltatrice.
ATTENZIONE
Sei tu che hai firmato il contratto di appalto, essendo proprietario dell'immobile.
Sei tu che hai presentato apposita dichiarazione per avere diritto all'agevolazione dell'IVA al 4%.
Il regime dell’IVA al 4% si riferisce alle fatture derivanti da contratti di appalto relativi all’esecuzione di opere complessivamente necessarie per la costruzione della prima casa. L’aliquota dell’IVA agevolata al 4% si applica anche alle spese derivanti dalla realizzazione delle opere murarie, dell’impianto elettrico, dell’impianto di riscaldamento, idrico e così via.
Per ciò che riguarda i beni finiti (prodotti per l’impianto idraulico, di riscaldamento od elettrico, sanitari per i bagni, infissi ecc.) il regime dell’agevolazione dell’IVA al 4% si applica quando l’acquisto di tali beni deve essere effettuato direttamente dal committente per la realizzazione della sua prima abitazione, a patto che venga presentata al venditore una dichiarazione attestante che i beni finiti sono impiegati nella costruzione di un immobile avente le caratteristiche di prima casa non di lusso. Secondo quanto previsto alla tabella A punto 39 testo unico IVA (D.P.R., 26/10/1972 n° 633), l'imposta sul valore aggiunto al 4% si applica agli immobili di cui all'articolo 13 della legge 02/07/1949
L’aliquota agevolata può essere applicata al ricorrere dei seguenti requisiti:
-requisito soggettivo, connesso alla qualifica di proprietario del terreno, o addetto alla coltivazione o ad attività connesse, che deve ricorrere in capo al destinatario della costruzione;
-requisito oggettivo, relativo sia all’ampiezza del terreno cui la costruzione è asservita, che deve avere superficie non inferiore a 10.000 metri quadrati ed essere censito al catasto terreni con attribuzione di reddito agrario, sia alle caratteristiche della costruzione, che non deve possedere le caratteristiche delle unità immobiliari urbane appartenenti alle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile) e A/8 (abitazioni in ville), ovvero le caratteristiche delle abitazioni di lusso di cui al D.M. 2 agosto 1969.
La tua fidanzata non possedendo i requisiti per beneficiare dell'agevolazione, non potrebbe legittimamente effettuare il bonifico in favore della ditta appaltatrice. Vorrà dire che la tua fidanzata bonificherà le somme di denaro in tuo favore, affinché tu possa pagare la ditta appaltatrice. Avete la possibilità di sottoscrivere una scrittura privata, in modo da pattuire in modo univoco questo vostro accordo.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: