Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Giudice competente per richiesta di revisione delle condizioni di divorzio





Devo produrre una terza richiesta di revisione delle condizioni di divorzio. La mia residenza è a Cagliari, l'ex moglie con la figlia quindicenne risiedono e vivono ancora in una mia abitazione in Roma, percependo mantenimento. Desidererei sapere se posso chiedere la richiesta di revisione presso il tribunale della mia città e non Roma. Attendo cortese riscontro



RISPOSTA



Premesso che dopo avere letto i tuoi appunti, posso sottolineare la sussistenza degli elementi sopravvenuti patrimoniali e non, necessari al fine di inoltrare una terza richiesta di revisione delle condizioni di divorzio, per quanto riguarda la competenza territoriale, occorre precisare quanto segue.
A fronte dell'abrogazione da parte della Corte Costituzionale dell'articolo 4 della Legge 898/1970 (Legge sul divorzio), norma secondo la quale il ricorso doveva essere presentato avanti al Tribunale del luogo dell’ultima residenza comune dei coniugi, occorre adesso fare riferimento alle norme generali in materia di competenza territoriale.

La stessa Corte costituzionale con la predetta sentenza numero 169 del 2008 ha dichiarato che l’unico criterio valido ai fini della competenza territoriale, è quello della residenza o domicilio del coniuge convenuto (tua moglie).

A conferma, l'articolo 18 del codice di procedura civile, prevede la competenza del Giudice del luogo in cui il coniuge convenuto ha residenza, domicilio o dimora, oppure quella del luogo ove è sorta l’obbligazione che, essenzialmente, coincide con il luogo in cui è stato emanato il provvedimento contenente le condizioni di separazione (immagino che il divorzio sia stato pronunciato dal tribunale di Roma).

Non è possibile pertanto presentare il ricorso al tribunale di Cagliari, vista la competenza del tribunale di Roma.

La regola è la seguente: nel caso in cui i coniugi avessero due residenze differenti si segue il principio generale del foro in cui il coniuge convenuto ha la residenza, mentre laddove questi non sia reperibile o sia residente all'estero, la domanda si propone nel luogo di residenza o domicilio del ricorrente. Soltanto se tua moglie fosse residente all'estero, potresti presentare il ricorso al tribunale di Cagliari.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale