Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Affittare appartamento come casa vacanze





Buongiorno

Ho un appartamento che desidero affittare come casa vacanze.
Vorrei sapere :
1) E' necessario ottenere un'autorizzazione preventiva presentando una domanda a qualche ente ?
2) Ho saputo che per permanenze inferiori ai 30 giorni non e' necessaria la registrazione del contratto, ma vorrei sapere se occorre dichiarare in qualche modo ogni nuovo gruppo di ospiti, o solamente segnarli in un registro.
3) Quali sono le responsabilita' del proprietario nel caso di infortunio di un ospite all'interno dell'appartamento ? C'e' la possibilita' che l'ospite possa richiedere un risarcimento per danni causati da reali o presunte condizioni di sicurezza dell'immobilie ?

Grazie



RISPOSTA



Intendiamoci sulle parole innanzitutto …

Cosa dobbiamo intendere per casa vacanze ?
Un immobile arredato per l'affitto ai turisti, senza offerta di servizi centralizzati, nel corso di una o più stagioni, con contratti aventi validità non superiore ai tre mesi consecutivi".
Tanto premesso, rispondo alle tue domande.

1)Non è necessaria alcuna specifica autorizzazione o comunicazione. Ovviamente, non è necessaria alcuna autorizzazione, nel caso in cui l'attività sia svolta come privato e non in forma imprenditoriale. In caso di attività svolta come privato però, non potresti fare alcuna pubblicità alla tua casa vacanze.
2)Se il contratto non supera i 30 giorni, non avrai alcun obbligo di registrazione.
Il cliente tuttavia dovrà essere registrato su un'apposita schedina di Pubblica Sicurezza che potrai acquistare da negozi tipo “Buffetti” per poi essere consegnata entro 48 ore al più vicino Comando di Polizia, per denunciarne la presenza presso il tuo immobile.
Occorre sua la registrazione che la comunicazione all'autorità di polizia.
3)Dobbiamo distinguere il caso del lampadario che cade in testa al cliente, dal caso in cui il cliente faccia qualcosa di poco diligente, come arrampicarsi sui balconi dell'appartamento !!!
E' chiaro che se il cliente commette una sciocchezza, facendosi del male … non sarà responsabile il proprietario !!!
… e se dovesse cadere il lampadario in testa al cliente ???
Si applicherebbe l'articolo 2051 del codice civile.

Art. 2051 del codice civile. Danno cagionato da cosa in custodia.

Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito.

Dovresti risarcire il danno, per intero, salvo provare il caso fortuito, ad esempio un terremoto !!!
Si tratta di una responsabilità oggettiva, salvo caso fortuito.
Mi hai chiesto.
C'e' la possibilita' che l'ospite possa richiedere un risarcimento per danni causati da reali o presunte condizioni di sicurezza dell'immobilie ?

Certamente sì, ai sensi dell'articolo 2051 del codice civile !!! Ti consiglio vivamente di mettere in sicurezza l'immobile, prima di iniziare questa attività !!!
Risarcire un infortunio che comporti un'invalidità permanente del cliente, ti costerebbe molto più del valore del tuo immobile !!!
Ti ricordo che le case e gli appartamenti per vacanze devono essere conformi alle prescrizioni edilizie ed igienico-sanitarie previste dai regolamenti comunali.

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale